Il Trapani regola la Viterbese 2-0 giocando un grande primo tempo

di Michele Scandariato
Vedi letture
Foto

Trapani-Viterbese 2-0

TRAPANI (4-3-3): Dini 6; Scrugli sv (7' Lomolino 6,5), Taugourdeau 7, Da Silva 6,5, Costa Ferreira 6,5; Aloi 6,5 (46’ Mulè 6), Toscano 6,5, Corapi 6,5 (78’ Franco sv); Ferretti 7 (67’ Tulli 6), Evacuo 6,5, Nzola 7,5 (78’ Fedato 6). All. Italiano 7

VITERBESE (3-4-2-1): Valentini 8 (74’ Demba sv); Atanasov 5,5, Coda 5,5 (46’ Sparandeo 6), Rinaldi 6; Zerbin 6,5, Coppola 6 (67’ Artioli 5,5), Palermo 6, Mignanelli 6; Vandeputte 6 (46’ Damiani 6), Tsonev 6; Molinaro 6 (46’ Ngissah). All. Calabro 5,5

ARBITRO: Vigile di Cosenza; Assistenti: Severino e Perrotti

MARCATORI: 9' Nzola, 36' Ferretti

NOTE: ammoniti: Coda (Viterbese); Spettatori 3.397 per un incasso di € 21.828,75. Calci d’angolo 10-2, recupero 1+3

Al Trapani basta un primo tempo giocato a ritmi vertiginosi per battere 2-0 la Viterbese ed arrivare a un solo punto dalla Juve Stabia, bloccata 0-0 a Bisceglie (dove ha sciupato anche un rigore), alla vigilia del confronto diretto di domenica prossima, quando le due squadre si incontreranno a Castellammare nella partita che varrà una stagione intera. Un primo tempo, come detto, giocato a ritmi vertiginosi da parte del Trapani, che metteva al sicuro il risultato con il gol iniziale di Nzola (al settimo sigillo stagionale) che trafiggeva al 9’ Valentini da posizione angolata, e sul finire del tempo al 36’ con Ferretti (quinto gol stagionale) lesto a raccogliere una corta respinta del portiere Valentini su una incursione dello stesso N’Zola, e a ribadirla in rete. Proprio il portiere ospite Valentini è stato assoluto protagonista della partita con diversi interventi prodigiosi che hanno evitato agli ospiti un passivo più pesante: almeno due su Evacuo, uno su Taugordeau, e uno su Toscano con l'aiuto del palo, su una pregevole conclusione a giro del giocatore granata. Tanto che il pubblico granata, quando nella ripresa l’estremo difensore ospite ha dovuto lasciare il campo infortunato, gli ha tributato uno spontaneo, quanto inusuale, prolungato applauso. Dopo il doppio vantaggio granata del primo tempo, nella ripresa la Viterbese, non apparsa tuttavia in grado di reggere i ritmi dei granata, provava a reagire sfiorando subito il gol con l’inzuccata del nuovo entrato Ngissah che su corner, sfiorava il palo con Dini fermo tra i pali. Ma era solo un fuoco di paglia perché i granata padroni di casa erano bravissimi a congelare la partita abbassando i ritmi, impedendo alla squadra ospite di costruire altre opportunità per tutto il resto del secondo tempo per impensierire il sempre attento Dini. Anzi era il Trapani che nel finale avrebbe avuto un paio di volte l’occasione per calare il tris, prima con Evacuo che crollava a pochi metri dalla porta invocando il rigore, poi con N'Zola e poi con Fedato, che sprecava da ottima posizione, appoggiando tra le braccia di Thiam, entrato nel frattempo al posto dell'infortunato Valentini. Trapani a fine gara sotto la curva a festeggiare l’ennesima vittoria casalinga con il pensiero rivolto adesso alla partita dell’anno di domenica prossima quando, verosimilmente, si deciderà chi tra Juve Stabia e Trapani merita il salto in serie B. Una rincorsa incredibile, quella dei trapanesi  ora ad un passo dal sogno. Vespe che dovranno rinunciare a due pedine importanti, Vitiello e Mezavilla, espulsi nel concitato finale della partita di Bisceglie. Sorprendente, infine, la decisione della società del Trapani calcio di non rilasciare interviste da parte di tesserati, allenatore compreso, almeno fino alla partita di Castellammare. Una decisione spiegata a fine gara dall’Amministratore Delegato, Maurizio De Simone, con la precisa volontà di mantenere l’ambiente il più sereno possibile in un momento così importante. Una decisione che rispettiamo ma che priva tutti gli appassionati della possibilità di ascoltare le voci dei protagonisti nel momento clou stagionale.


Altre notizie